BlazBlue: Chrono Phantasma Extend – Recensione

La saga di BlazBlue ha storicamente avuto molti problemi durante il corso degli anni, in particolar modo per quanto riguarda la distribuzione del titolo sul territorio europeo e, complice anche lo scarso numero di copie vendute, dopo i primi due capitoli (BlazBlue: Calamity Trigger e Continuum Shift) la serie non è stata più localizzata nella nostra lingua, facendo perdere via via l’interesse da parte del pubblico.
Infatti i capitoli successivi (Continuum Shift Extend, Continuum Shift 2 e Chrono Phantasma) non sono stati più tradotti in italiano, ma localizzati soltanto in lingua inglese, e questa nuova iterazione non fa eccezione.
BlazBlue: Chrono Phantasma Extend è la versione estesa e migliorata del capitolo precedente (Chrono Phantasma), al quale aggiunge tutti i DLC rilasciati fino ad ora, migliorando e aggiungendo storie e modalità.
Alla prova dei fatti, questa nuova edizione merita di essere acquistata anche avendo giocato alla versione base?
Scopriamolo insieme!

CLD Distribution: BlazBlue Chrono Phantasma Extend (PS4/PS3/PSVita/Xone) – Launch Trailer

Date de sortie : 23/10/2015 Release Date : 23/10/2015 Fr: Le jeu de combat légendaire est de retour Pour la première fois sur les consoles nouvelle génération ! L’opus le plus complet de la série ! Plus de 40 heures de jeu solo – du jamais vu dans un jeu de combat !

BlazBlue activate

La storia che andremo a trovare in BlazBlue: Chrono Phantasma Extend è la medesima della versione base, la quale segue perfettamente le vicende che si sono susseguite in Continuum Shift, iniziando proprio poco tempo dopo la battaglia tra Ragna e Terumi (non approfondirò ulteriormente per evitare di dare delle anticipazioni indesiderate sui precedenti capitoli).
In questa edizione sono state aggiunte le storie di Kokonoe, Kagura e Bullet, le quali ci andranno a raccontare ed a spiegare dettagliatamente alcuni avvenimenti passati che non erano stati approfonditi a dovere in precedenza. Oltre a questo, il titolo ci ripropone la stessa modalità storia di Chrono Phantasma, che si svolge poco dopo la fine degli avenimenti accaduti in Continuum Shift e Shift 2.
Per permetterci di approfondire l’universo di BlazBlue, gli sviluppatori hanno implementato in questo capitolo quattro modalità simil Visual Novel:
Anthology, la quale spiegherà in modo molto grossolano gli avvenimenti dei primi episodi della serie, in modo da dare la possibilità a chi non ha giocato i precedenti episodi di comprendere ed apprezzare appieno la storia;
Extend Gag e Teach Me More, Miss Litchi!, che presentano, invece, alcune mini storie dal taglio molto comico, slegate dal filone narrativo, che ci faranno vivere degli aspetti del tutto inaspettati dei protagonisti;
ed infine Remix Heart Gaiden, che ci racconterà di alcune cadette della Military Academy (che a mio avviso stona sia col gioco che con la narrazione del titolo, n.d.r), non aggiunge nulla a livello narrativo e risulta anche molto noioso per via delle troppe righe di dialogo presenti.
A chiudere il cerchio abbiamo Library, modalità ottima per chi vuole saperne di più sulla storia della saga, o per conoscere dettagli aggiuntivi su ambientazioni, armi, personaggi, casate di appartenenza, oggetti, poteri, eventi e mondo di gioco; l’unica pecca risiede nel fatto che chi non conosce al meglio la lingua inglese non riuscirà ovviamente a comprendere al meglio il tutto.

blazblue chrono phantasma extend 6

Round 1… FIGHT!

Questo capitolo (come i tutti i suoi predecessori d’altronde) offre un’ampia gamma di tutorial, ideali per chi non è pratico del genere o per chi si avvicina al titolo per la prima volta.
Sono disponibili in tutto 3 modalità:
Tutorial Mode, che introduce tutti i comandi base, medi ed avanzati di ogni personaggio;
Training Mode, che vi permetterà di far pratica con le combo che avrete imparato nel tutorial, e di cercare di perfezionarle;
Challenge Mode, composta da 20 sfide per ogni personaggio che per essere superate richiederanno una perfetta conoscenza e dimestichezza di tutti i comandi base e delle combo.
Oltre all’allenamento ci sono altre modalità, a partire dal classico Arcade Mode: una serie di 8 battaglie consecutive che, se completate con tutti i personaggi, vi permetteranno di poter conoscere alcuni piccoli retroscena sul titolo; la Versus Mode, che è il classico 1 contro 1 nel quale possiamo sia fare un paio di battaglie a tempo perso che delle sfide contro i nostri amici; l’Abyss Mode, una modalità abbastanza particolare che vi metterà difronte a 10 sfide, ognuna rappresentata a piani (esempio: la prima 100 piani e l’ultima 999), e per raggiungere l’ultimo piano (per superare 10 piani vi basterà vincere uno scontro) ci vorrà molta destrezza e pazienza, in particolar modo per l’ultima sfida composta da 999 piani, la quale durerà la bellezza di un’ora abbondante di lotte a catena; lo Score Attack (che è stato notevolmente semplificato in questo capitolo, n.d.r), una serie di battaglie che dovremo affrontare con degli svantaggi a nostro sfavore, come ad esempio lo scarso recupero di salute tra una battaglia e l’altra e la difficoltà che aumenterà di scontro in scontro; ed infine la modalità più difficile del titolo, ovvero la Unlimited Mars Mode, la quale vi metterà contro diversi avversari tutti in versione Unlimited (una versione del combattente più forte, che ad ogni attacco che metterà a segno ci infliggerà circa il doppio del danno di una mossa standard), che renderà il tutto davvero ostico e quasi impossibile da completare, anche per i giocatori più smaliziati.
Insomma, le modalità che il titolo ci mette a disposizioni sono molteplici, tutte ben realizzate, e vi terranno incollati allo schermo per almeno un 20/25 ore; anche se c’è da dire che non tutte sono ben bilanciate a livello di difficoltà, in particolare la Unlimited Mars, che risulta essere davvero troppo difficile, non solo per tutti i neofiti del genere, ma anche per i giocatori più abili, rendendola di fatto quasi impossibile da portare a termine.

blazblue chrono phantasma extend 4

Yukianesa’s curse

Per quanto riguarda la modalità multiplayer, il titolo ha confermato i nostri timori: la saga ha avuto storicamente problemi di net-code ma, Chrono Phantasma Extend, è riuscito ad essere peggiore dei suoi predecessori. Provare a fare una partita senza problemi è una chimera: tutti gli incontri che abbiamo avuto modo di giocare sono stati flagellati da problemi di vario tipo quali un lag spaventoso e una ricerca delle sessioni di gioco dai tempi biblici (in particolar modo per le partite classificate). Speriamo che Arc System Works riesca a risolvere, o almeno a mettere una pezza al problema il prima possibile ma, per il momento, vi sconsigliamo vivamente di avventurarvi in sessioni online, in quanto ad oggi è quasi ingiocabile.

blazblue chrono phantasma extend 2

Technical o Stylish?

Il punto forte del titolo è sicuramente il gamplay, che spinge moltissimo sulla varietà di combo: ogni personaggio avrà a propria disposizione un proprio pattern d’attacco molto vario, difficile da padroneggiare completamente e diverso da ogni altro combattente, partendo dalle mosse di base (le classiche mosse che si eseguono con i tasti principali A, B, C o D), per poi passare alle combo (che richiedono uno specifico movimento della levetta analogica e la corretta pressione di uno o più pulsanti al momento giusto), per arrivare alle Distorting Finish (mosse di alta potenza che per essere utilizzate consumeranno dal 25 al 50% della vostra barra di calore), ed infine l’Astral Finish (mossa conclusiva del personaggio, che una volta realizzata farà partire un breve filmato che metterà fine allo scontro). Per poter utilizzare una Astral Finish vi servirà il 100% della barra di calore, che potrete caricare attraverso l’esecuzione di tecniche, subendo colpi dal vostro avversario, oppure dovrete avere un livello di energia vitale inferiore a quest’ultimo.
Tutto ciò è la base del combat system classico della serie, ovvero lo stile Technical ma, oltre a questo, ne esiste anche un secondo, ovvero lo Stylish, versione semplificata del primo, adatta soprattutto ai neofiti della serie, in quanto è davvero molto facile da padroneggiare, dato che basterà premere uno dei tasti base a ripetizione (anche un po’ a caso) per attivare una serie di colpi concatenati. Lo svantaggio di questo stile risiede nel fatto che l’Astral Finish sarà quasi impossibile da caricare, per via del fatto che appena arriveremo al 50% della barra di calore, in modo del tutto automatico eseguiremo delle combo che prosciugheranno l’energia accumulata.
Anche se questo stile risulta molto efficace, il nostro consiglio è quello di cercare col tempo di imparare a padroneggiare il Technical, in quanto in alcune modalità di gioco vi sarà richiesto di utilizzare esclusivamente quest’ultimo.

blazblue chrono phantasma extend 1

Una melodia di colori

Per quanto riguarda il comparto tecnico, BlazBlue si presenta come sempre con uno stile artistico, davvero curato sin nei minimi dettagli. Inoltre, un plauso agli scenari, ora molto più dinamici e dettagliati (a differenza dei precedenti capitoli), con effetti di luce decisamente più elaborati, che rendono le battaglie davvero più gradevoli e immersive; peccato solo per la poca cura degli sprite che ci vengono mostrati al momento della selezione del colore del personaggio: davvero poco curati, che stonano molto con la resa del combattente che scenderà effettivamente in battaglia e sono rimasti invariati dalla precedente uscita per i cabinati arcade delle sale giochi giapponesi.
Ad accompagnare le nostre battaglie, sono presenti delle tracce davvero varie ed orecchiabili, tutte molto azzeccate al contesto nel quale vengono inserite; inoltre, come in ogni capitolo, possiamo apprezzare l’ottima lavoro svolto sulla theme song utilizzata per la intro, bellissima a mio avviso.
Per quanto concerne il doppiaggio, possiamo dirvi che quest’ultimo resta ancorato ai doppiatori storici della serie, sia per quello giapponese che per quello inglese, cosa alquanto gradita e che farà certamente felice tutti gli appassionati della serie.

blazblue chrono phantasma extend 5

Nice Win!

In conclusione, BlazBlue: Chrono Phantasma Extend è un ottimo titolo, ricco di contenuti e che vi intratterrà per moltissimo tempo grazie ad un ottimo gameplay dinamico e vario, una grafica migliorata, un vasto numero di personaggi, tante modalità da giocare e una trama molto bella, che merita di essere goduta dall’inizio alla fine (anche se chi non ha avuto modo di giocare ai precedenti capitoli potrebbe avere dei problemi). Peccato solo che, anche questa volta, il comparto online del titolo è nuovamente il tallone d’Achille della produzione, con problemi enormi, che rendono l’esperienza competitiva praticamente una feature inutilizzabile.

Prezzo di lancio: € 69,99
Prezzo da noi consigliato: € 59,99

BlazBlue: Chrono Phantasma Extend

0

Pro

  • Gameplay che resta il punto forte della serie
  • Moltissime modalità da giocare...
  • Storia bella ed interessante
  • Colonna sonora di prim'ordine

Contro

  • ...anche se alcune sono strutturate male
  • Online pieno di problemi
About Fabio Kira 2672 Articles
Cresciuto nella piccola città di Biancavilla e amante di tutti i Pokémon (tranne Pikachu), ben presto ha deciso di cambiare vita e di esplorare il mondo alla ricerca di qualsiasi cianfrusaglia gratuita. A distanza di tanto tempo dalla sua partenza, si ritrova ad essere un collezionista compulsivo e videogiocatore, con qualche problema mentale (basta leggere questa biografia per capirlo). E ora è qui, su Console Paradise, senza alcun motivo a gestire un sito da solo, scrivere news e recensioni con un microscopico aiuto dal resto dello staff, i quali preferiscono impegnare le proprie giornate rimirando pennuti o su Sky Sport 24.