Valkyrie Drive: Bikkhuni (Steam) – Recensione

Dopo aver conquistato una piccola nicchia di giocatori su PlayStation Vita, Valkyrie Drive: Bikkhuni sbarca anche su Steam per cercare di allargare il suo pubblico: si tratta di un titolo non adatto a tutti a causa dell’alto fan service sia per l’aspetto delle nostre giovani guerriere, sia per quello inserito nella storia effettiva, ma non potevamo aspettarci diversamente dallo stesso team che ha dato la luce alla serie Senran Kagura, la quale, oltre che per le scelte di character design, si è distinta nel tempo per l’ottimo e frenetico gameplay.
Abbiamo già potuto parlare di Valkyrie Drive: Bikkhuni ai tempi del rilascio su PlayStation Vita grazie al nostro Giammarco: se siete interessati all’acquisto della versione console vi rimandiamo alla sua recensione, mentre, per quella Steam, non vi resta che continuare la lettura!

[Testato con controller PlayStation 4]

VALKYRIE DRIVE -BHIKKHUNI- Steam Launch Trailer

AVAILABLE NOW ON STEAM: http://store.steampowered.com/app/550080/VALKYRIE_DRIVE_BHIKKHUNI/ In VALKYRIE DRIVE -BHIKKHUNI- a mysterious virus known as the A-Virus infects young women, transforming them into weapons known as ‘Extars’ or those that control them,’Liberators’. However, the voluptuous Valkyries are infected with a unique strain, the VR-Virus, allowing them to take on either role at will.

La cura per il V-Virus

L’isola di Bikkhuni è stata allestita appositamente, insieme ad altre, per ospitare le ragazze che sono state infettate con l’A-Virus, il quale causa un grande incremento della forza offensiva; Bikkhuni, però, ha una particolarità, ovvero quella di ospitare anche chi è stata infettata da un particolare ceppo, chiamato V-Virus e che permette alle ragazze, le quali lavorano in coppia, di occupare il ruolo di Extar (ovvero di trasformarsi in arma) o di Liberator (colei che impugna la compagna trasformata in arma) e, maggiore è la sinergia del duo, più grande è il potere scaturito.

Tutte le nostre sette protagoniste sono state infettate proprio dal V-Virus e si trovano a Bikkhuni per imparare a controllare i loro nuovi poteri e, nella ventina di capitoli presenti, possiamo fare la conoscenza delle gemelle Rinka e Ranka, l’ambiziosa Mana e la scontrosa Momo, appena arrivate sull’isola, ma anche le tre che si sono spinte più avanti con il programma, ovvero Koharu, Viola e Manpukumaru.
Alcuni dialoghi della storia sono un po’ troppo prolissi, ma la trama di Valkyrie Drive: Bikkhuni si rivela piuttosto interessante, anche se probabilmente le protagoniste risultano un po’ troppo stereotipate, ma in grado comunque di rimanere simpatiche al giocatore in alcune scene di intermezzo abbastanza divertenti.

Un’isola piena di attività 

Oltre alla modalità Storia abbiamo tante cose da fare sia grazie ad alcuni livelli liberamente esplorabili in grado di offrire collezionabili da ottenere e alcune mini-sfide interne ai livelli; inoltre abbiamo svariate modalità tra cui Sopravvivenza e la modalità Sfida, oltre alla possibilità, ovviamente, di poter fare degli scontri online.

Per quanto concerne il gameplay, invece, ci ritroviamo a quello che è una versione evoluta di Senran Kagura: ancora più frenetico e ancora più evoluto soprattutto per quanto riguarda le combo aeree (con la cosiddetta Phantom Mode che, tenendo premuto X, permette di fare delle prolungate combo in aria devastanti); inoltre, la combo di colpi man mano che progredisce fa aumentare la potenza dei nostri attacchi e, in caso si venga colpiti, non si annulla (lo fa solo nel caso non si attacchi più per un certo numero di secondi). Una volta caricate abbastanza barre a suon di attacchi è possibile far trasformare la nostra compagna in Extar e poter usare così degli attacchi speciali molto potenti e in grado di aiutarci contro più nemici o contro uno dei boss che incontriamo nei vari livelli.
Senza dubbio il gameplay è il punto più alto di tutta la produzione in quanto si nota come gli sviluppatori si siano affinati rispetto ai primi titoli di Senran Kagura, riuscendo a trovare la combinazione perfetta in grado di affascinare gli amanti degli hack ‘n’ slash.

Preferenze di controlli 

Quando ho avviato Valkyrie Drive: Bikkhuni per la prima volta (poco prima del day-one) avevo deciso di giocarsi utilizzando un controller Xbox 360 preso apposta per giocare su PC: ho dovuto virare sull’utilizzo di un controller PlayStation 4 in quanto quello per Xbox 360 non è compatibile, o meglio, avrei dovuto passare molto tempo per mapparlo e poterlo utilizzare, mentre con il pad di casa Sony questo problema non si presenta, in quanto è già impostato per essere utilizzato fin da subito. Non so se anche il controller Xbox One è da mappare esattamente come il predecessore, né se recentemente il problema è stato risolto, ma da parte mia consiglio di giocarci con mouse e tastiera o con un controller PlayStation 4.

Per quanto riguarda questo porting, è stato svolto un buon lavoro: la risoluzione è a 1080p, mentre il frame rate è stato portato a 60fps molto stabili e senza rallentamenti di sorta nemmeno nelle situazioni più concitate. Ciò rende la versione PC di Valkyrie Drive: Bikkhuni un’ottima opzione di acquisto per coloro che sono interessati al titolo, anche perché i requisiti di sistema non sono particolarmente proibitivi.

Parlando del comparto artistico non ci sono stati cambiamenti di alcun tipo e troviamo, esattamente come la controparte per PlayStation Vita, un’ottima realizzazione dei modelli poligonali dei personaggi principali e una un po’ meno curata degli ambienti di gioco e dei nemici meno di spicco e più comuni da trovare, ma nulla che comprometta la qualità del gioco.
Buono il doppiaggio in giapponese e abbastanza orecchiabile, anche se non troppo memorabile, la colonna sonora.

Sinergia tra guerriere 

Valkyrie Drive: Bikkhuni, anche in questa sua incarnazione per PC, si riconferma come un ottimo titolo che sarà la gioia per tutti gli amanti degli hack ‘n’ slash e per i fan di Senran Kagura, basta scendere a patti con la presenza di molto fan service e godersi l’ottimo gameplay offerto.

Prezzo di lancio: 29,99€
Prezzo da noi consigliato: 29,99€

Valkyrie Drive: Bikkhuni (Steam)

Valkyrie Drive: Bikkhuni (Steam)
9

Pro

  • Tutti i pregi della versione PlayStation Vita
  • Frame rate stabile senza rallentamenti

Contro

  • Problemi di compatibilità con il controller Xbox 360
  • Qualche modello meno convincente di altri
About the author

Sofia "EvilPhimie" Marotta

Nei momenti liberi dai suoi piani per la conquista dell'intero universo, si diletta a giocare a tutto ciò che il mondo videoludico ha da offrirle e, in particolare, alla serie Megami Tensei: forse è proprio per questo che i suoi sogni di conquistatrice leggendaria di quarto livello sono ancora in alto mare...