Uncharted: l’Eredità Perduta – Recensione

Pensavate che dopo aver completato Uncharted 4: Fine di un Ladro la vostra ricerca di antichi tesori e di rovine di civiltà dimenticate si sarebbe interrotta per molto tempo?
E invece, un po’ a sorpresa, Naughty Dog ha annunciato l’anno scorso l’arrivo di una espansione del proprio gioco di punta e che, per la prima volta, sarebbe stata un’avventura a sé stante, che avrebbe aggiunto nuovi dettagli all’universo di Uncharted, e non dei semplici pacchetti di nuove mappe per il multigiocatore come si credeva.
Ed eccoci qui quindi a parlarvi di Uncharted: l’Eredità Perduta, che ha tutta l’aria di essere quasi un vero e proprio capitolo a sé stante, un qualcosa di sostanzialmente diverso da Left Behind, espansione di The Last of Us, fino ad oggi unica espansione dedicata al single player sviluppata dalla casa californiana.
Andiamo a vedere dunque com’è andata!

Uncharted: L’Eredità Perduta Official Trailer – PS4

Con questo nuovo trailer, Sony annuncia la data d’uscita del nuovo gioco di Uncharted, che vede protagonisti Chloe e Nadine. Per tutti i dettagli su Uncharted: L’Eredità Perduta, andate su GameSoul: http://www.gamesoul.it/uncharted-leredita-perduta/ Iscrivetevi al canale per restare aggiornati su nuovi video! Mettete un Like e condividete coi vostri amici.

La strana coppia

Uncharted: l’Eredità Perduta è ambientato alcuni anni dopo il quarto capitolo e non ci vedrà più nei panni di Nathan Drake, bensì in quelli più sinuosi e conturbanti di Chloe Frazer, la bella spalla di Drake che abbiamo imparato a conoscere dal secondo episodio della serie.
Ad accompagnare la giovane ladra avremo Nadine Ross, che abbiamo conosciuto in Fine di un Ladro come capo del gruppo paramilitare “Shoreline”, il quale ha messo in difficoltà Nathan e il fratello Sam per tutta la durata del gioco.
La strana coppia si trova in India, patria natale di Chloe, alla ricerca di un antico manufatto, la Zanna di Ganesh, simbolo del potere dell’ormai defunta civiltà degli Hoysala, che un tempo spadroneggiavano sul territorio indiano.
Peccato solo che, come sempre accade, il manufatto sia ricercato anche da altre persone senza scrupoli, e che immancabilmente hanno più uomini e risorse di noi.
Queste sono le premesse di un viaggio che vi porterà attraverso fitte foreste, antiche rovine e città fatiscenti, tutte infestate di pericoli rappresentati sia dalle vecchie trappole della civiltà Hoysala, sia dagli uomini di Asav (il cattivone di cui abbiamo accennato poc’anzi).
L’incipit della storia non è di certo tra i più originali, ma in effetti questa è quasi una caratteristica ricorrente dell’intero franchise, quindi chi di voi ha già avuto modo di giocare i precedenti capitoli (immagino molti di voi), in un certo senso si sentirà a casa.
Anche le situazioni non sono tra le più originali, e spesso sanno di già visto, ma probabilmente la natura da “espansione” del titolo abbia influenzato il budget ed il tempo messo a disposizione agli sviluppatori, che hanno ben pensato di andare sul sicuro, anche se, come vedremo tra poco, qualche idea fresca è stata messa dentro quasi a sorpresa.

Cosa c’è di nuovo?

Uncharted: l’Eredità Perduta è pur sempre un DLC di Uncharted 4, e di conseguenza il gameplay, l’eccellente comparto tecnico e il multigiocatore (che è fruibile anche senza avere il gioco base) sono i medesimi del fratello maggiore.
Ed allora, cosa c’è di nuovo?
In effetti non tantissimo, oltre ad una storia inedita e nuove ambientazioni (fosse poco! n.d.r.), eppure c’è anche dell’altro: innanzitutto un capitolo, il quarto per la precisione, è stato strutturato in modo similare a quello ambientato in Madagascar di Uncharted 4 ma l’idea è stata approfondita. Abbiamo ora, non solo la possibilità di esplorare una vasta area di gioco a bordo di una Jeep e di scendere a piedi quando più ci aggrada, ma abbiamo anche una missione opzionale da svolgere: la ricerca di antiche monete che, se trovate tutte, ci daranno accesso ad un’antica reliquia capace di segnalarci i tesori nelle vicinanze.
Inoltre, l’area è strutturata in modo tale che le varie attività principali potremo svolgerle nell’ordine che più ci piace, senza vincoli di sorta: una vera novità per un titolo che storicamente ha legato la propria narrativa e lo svolgimento dell’azione a dei rigidi binari da cui è sempre stato impossibile uscire.
Inoltre sono state introdotte delle armi più potenti, dorate, nascoste qua e là nelle varie location, spesso in delle casse da scassinare mediante un mini-gioco abbastanza semplice ed intuibile; Chloe è pur sempre una ladra e le forcine sono grandi amiche delle ladre, è risaputo!
Infine, una nota tecnica: abbiamo giocato il titolo su PlayStation 4 Pro e dobbiamo dire che il colpo d’occhio è notevole, grazie al 4K e l’HDR e il frame rate è rimasto fluido per tutte le otto ore che abbiamo impiegato per portare a termine l’avventura.

Un altro centro

Naughty Dog con questo Uncharted: l’Eredità Perduta ha fatto nuovamente centro: l’espansione è stata sviluppata talmente bene da sembrare un titolo a sé stante, dotato di vita propria, tanta è la qualità del prodotto in sé.
C’è poco da dire, se avete giocato ad Uncharted 4 non potete non far vostro questo nuovo episodio, che non sarà un quinto capitolo, ma che comunque racchiude in sé tutte quelle qualità positive che ci hanno fatto innamorare della serie.

Prezzo di lancio: 39,99 €
Prezzo da noi consigliato: 39,99 €

Uncharted: l'Eredità Perduta

Uncharted: l'Eredità Perduta
9

Pro

  • Chloe e Nadine funzionano bene
  • Storia affascinante
  • Ambientazioni di grande impatto
  • Buona longevità
  • Alcune nuove idee implementate alla grande...

Contro

  • ... ma non tantissime in quanto a quantità
About the author

Luca "Big Boss" Panizzoli

----Work in progress ---- Ho ingaggiato un piccolo manipolo di Umpa Lumpa che di notte lavorano alacremente alla stesura della mia scintillante, emozionante, stupefacente, accattiv.... vabbè alla mia biografia. Purtroppo il lavoro richiede un notevole dispendio di forze ed "uomini", ma la speranza è quelli di riuscire a completare i lavori prima della Salerno - Reggio Calabria. Stay Tuned!