Magic Box | Untold Legends: La Fratellanza della Spada

Qualche mese fa un titolo a me sconosciuto si è presentato fra le mie mani assetate di giochi di ruolo: così, dopo svariato tempo dall’acquisto, ho deciso di provarlo e ne sono restata totalmente affascinata, chiedendomi continuamente perché non lo avessi iniziato prima.
Mi è piaciuto così tanto che ho deciso di far rinascere questo titolo semisconosciuto, sviluppato da Sony Online Entertainment nell’ormai lontano 2005, nelle vostre menti da fedeli lettori.
Stiamo parlando di Untold Legends: La Fratellanza della Spada, una vecchia esclusiva per PlayStation Portable che solo una minima parte di giocatori ha avuto occasione di conoscere, per questo abbiamo deciso di inaugurare una nuova rubrica a cadenza irregolare che chiameremo “Magic Box”, dove si parlerà di videogiochi poco conosciuti e passati inosservati o di altri che hanno avuto i loro picchi di popolarità ai tempi dell’uscita, ma di cui non si parla più perché superati dal nuovo che avanza.
Perciò, bando alle ciance e andiamo subito a scoprire il mondo fantasy di Untold Legends!

Untold Legends: Brotherhood of the Blade Sony PSP Trailer

None


Sei Pronto a dimostrare il tuo coraggio?

Alloggio gratis, principesse a volontà e soprattutto birra offerta dalla casa! Eh sì, fare la parte dell’eroe non è poi così tanto male. Ma, un momento, esiste una profezia? Rinunciare a tutti i privilegi per difendere la propria città e regina? Andare a combattere mostri di ogni tipo rischiando continuamente la propria vita? Oh beh, non perdiamo tempo e procediamo con la creazione del personaggio allora, visto che negli ultimi tempi si sono verificati strani accadimenti: molti abitanti spariscono dalla città e altri sono stati colti da malattie improvvise, il nostro compito è andare a scoprire cosa sta accadendo all’orizzonte, l’Oblio si avvicina e una cappa fitta e scura sta ingoiando lentamente tutto il Regno, portando con sé pericoli che si celano dietro ogni angolo.
L’avventura ha inizio proprio così, con una triste notizia per il nostro protagonista e una bella gita per Unataca in programma, un antico pianeta in cui risiedono molte civiltà e dove ci hanno appena negato la libertà di poltrire.
La creazione del nostro eroe si dividerà in 4 scelte: Cavaliere, Alchimista, Druido e Berserker, ma tutte le opzioni sono molto scarne di contenuti, con una disponibilità di particolari abbastanza povera, anche se il design di alcune capigliature ed altri dettagli estetici ricordano molto Monster Hunter.
Noi facciamo parte del popolo di Aven, una città medievale in costante pericolo, con una regina dotata di poca materia grigia ma di molta (troppa) curiosità, e sarà per lei che rischieremo la vita per la maggior parte delle volte, anche perché sembra che si diverta a farsi rapire in continuazione da chiunque.
Unataca è un regno pericoloso e pieno di nemici, ed è proprio questo uno dei punti più affascinanti di Untold Legends: il pattern degli attacchi è differente per ogni antagonista da abbattere, con un design realizzato in maniera impeccabile e che richiama alla mente uno stile medievale gotico dark, stesso discorso per le armi e le armature presenti nel gioco. Molto spesso può capitare che i nemici sconfitti faranno cadere denaro od oggetti spendibili per migliorarci e migliorare il nostro arsenale, oppure che quando svolgeremo un compito assegnatoci da qualcuno in città questi ci consegnerà un aggeggio speciale che potremo decidere di rivendere al mercante ricco sfondato dai soldi infiniti o di utilizzarlo per conto nostro, evitando magari di lasciarlo marcire nell’inventario dimenticandocene totalmente (sì, mi è capitato, lo ammetto).
Anche nelle varie catacombe e foreste da esplorare si può notare un’atmosfera simil burtoniana, le uniche pecche sono dei sentieri fin troppo lineari da percorrere che, dopo un po’, danno alla noia, facendo venire voglia al giocatore di saltare tutti i nemici e correre direttamente all’entrata per il dungeon successivo; e gli spazi poco curati che si assomigliano un po’ troppo (per esempio la Foresta del TroncoMorto è simile ad ogni altro tipo di foresta presente nel gioco, così per le catacombe, per i deserti, ecc…).
Durante l’esplorazione delle varie regioni siamo accompagnati da diverse musiche che ricordano vagamente i vecchi giochi per PlayStation (come ad esempio quelle di Castlevania) e possiamo controllare i movimenti del nostro personaggio dall’alto, grazie alla visuale isometrica, molto utile per controllare ciò che ci circonda, e che possiamo anche sfruttare per vedere perfettamente se abbiamo qualche nemico che ci sta inseguendo o se sia presente in zona qualche tesoro da raccogliere.
Ciò che può dare molto fastidio è la scarsa qualità della mappa, davvero realizzata malamente e a volte per colpa della quale ci si può anche perdere o confondere con le varie vie all’interno di qualche caverna sperduta.
I comandi sono molto semplici da memorizzare, le mosse speciali invece sono un po’ complicate da capire, sembra quasi che alcune opzioni del gioco siano state create talmente di fretta che si sono dimenticati di mettere un tutorial per determinate cose.

Untold Legends: La Fratellanza della Spada 2

Accorri, Aven ha bisogno di te!

Untold Legends: La Fratellanza della Spada è un gioco molto valido per il suo tempo: certo, determinate cose possono dare alla noia per via della eccessiva ripetitività o dei troppi procedimenti molto simili da eseguire, però ha una trama valida e godibile, uno di quei piccoli tesori apprezzati e conosciuti solo da pochi, nascosti in mezzo al mare, che non aspettano altro che essere (ri)trovati.
Inoltre potrete giocarlo anche con 3 amici per farlo risultare più divertente e avventuroso, visto che permette il multiplayer ad hoc. Quindi che aspettate? Aven ha bisogno di voi!

About Hobbes 11 Articles
Dopo aver visitato lo spazio assieme ad una creatura dalle orecchie a punta con un piccolo robot sulle spalle, e aiutato Guybrush a diventare un temibile pirata, ho ricevuto il premio mondiale di "miss ipersensibilità", ciò mi ha convinta ad avventurarmi sempre di più nel mondo dei videogiochi, fra una commozione e l'altra.