Disgaea 1 Complete – Recensione

Disgaea 1 Complete

A quindici anni dal suo debutto su PlayStation 2, Disgaea 1 Complete è approdato su PlayStation 4 e Nintendo Switch. Complice il recente successo del quinto capitolo della serie (e della sua versione Complete), Nippon-Ichi Software ha deciso di investire ulteriormente sul suo franchise riproponendo il capostipite in una versione riveduta (dopo aver proposto due anni fa su Steam un porting dell’originale).
Disgaea 1 Complete, forte di un comparto grafico svecchiato per l’occasione, è riuscito a portare bene i suoi anni, oppure risente dei quindici anni passati? E quali novità ha portato?

Disgaea 1 Complete – Launch Trailer (Nintendo Switch, PS4)

Learn more @ disgaea.us/d1c Pre-order today! http://bit.ly/D1Complete Strategy RPGs are about to get a seriously brand new kick in the ass! Join Laharl, Etna, and Flonne in their crazy adventure through the Netherworld to crown a new Overlord. Remastered for a new generation, with brand new visuals!

Il Principe del Netherworld 

Dopo due anni di sonno, il principe del Netherworld Laharl viene svegliato dalla sua servitrice Etna e scopre che, mentre nessuno riusciva a fargli aprire gli occhi, il regno è andato allo sbando: suo padre è morto e il trono vacante per troppo tempo ha causato non pochi scompigli all’interno di tutto il regno in una lotta all’ultimo sangue per ottenere il potere. Riuscirà Laharl a reclamare il trono e a farsi rispettare come nuovo sovrano del Netherworld?
La trama è piuttosto semplice e lineare, anche se abbastanza ben scritta, ma ciò che caratterizza Disgaea 1 Complete (e tutto il franchise di Nippon-Ichi Software) è l’umorismo e l’irriverenza nei vari dialoghi, come quando ci vengono presentati i nostri aiutanti Prinny Bomb, che ci spinge a non saltare nemmeno una frase di dialogo per tutta la durata del titolo.

A livello di contenuti aggiuntivi, Disgaea 1 Complete ci offre soltanto la Etna Mode, ovvero la storia principale, ma dal punto di vista di appunto Etna, la servitrice di Laharl che ci accompagna nella nostra conquista al trono (modalità tra l’altro già inserita nel porting per PSP Disgaea: Afternoon of Darkness, e quindi nemmeno troppo una novità per chi segue da tempo questa serie). Sarebbe stato bello se ci fosse stato un maggiore impegno nel portare questo titolo su console di nuova generazione con qualche guizzo di ingegno in più, ma resta comunque un prodotto molto pregevole dal punto di vista narrativo e dei dialoghi.

It’s over 9000! 

Il gameplay di Disgaea 1 Complete concede una grandissima libertà al giocatore per quanto concerne l’organizzazione del proprio piccolo esercito che lo accompagnerà durante i vari scontri: è possibile portare con sé dei formidabili maghi o dei forti combattenti, o addirittura reclutare dei mostri (zombie, demoni e altro ancora) che daranno la vita pur di vederci vittoriosi. Il level cap dei personaggi è addirittura fino al livello 9999, che una volta raggiunto ci permetterà di obliterare i nemici con milioni di danni in un solo attacco.
Essendo un gioco di ruolo strategico, comunque, è necessario pianificare molto bene gli spostamenti dei vari combattenti, in modo da massimizzare il danno inferto (mettendo due o più personaggi vicini allo stesso nemico si ottiene un attacco in team molto efficace), ma bisogna anche fare attenzione al terreno del campo di battaglia: sono presenti dei Geo Symbol che influenzano alcune parti del campo di battaglia (tali aree brillano dello stesso colore del Geo Symbol che le influenza), e far andare i nostri personaggi o i nemici in tali zone può comportare dei bonus o dei malus in grado di influenzare l’esito dello scontro. È anche possibile raggiungere il Geo Symbol e decidere se distruggerlo o se spostarlo per influenzare altre caselle.

Andando avanti nei vari scontri, si nota un incremento sempre maggiore e improvviso del tasso di difficoltà (e di mortalità), spingendoci a un estenuante grinding per riuscire a procedere allo scontro successivo. Nulla di troppo insormontabile, ma il cambio repentino da scontri fattibili a impossibili può essere destabilizzante. Ciò che è certo è che sarà estremamente soddisfacente per il giocatore superare ogni ostacolo con la forza bruta dei personaggi, ma, soprattutto, studiando la strategia nei minimi dettagli per ogni combattimento.

Tirato a lucido per la discesa nel Netherworld? 

Nippon-Ichi Software poteva di sicuro fare di più per questa edizione rimasterizzata: si possono notare di certo dei cambiamenti con la conversione del gioco realizzata per PC, ma per l’approdo su PlayStation 4 e Nintendo Switch si poteva fare di sicuro qualcosina in più per renderlo al passo con i tempi. Resta comunque molto piacevole da vedere nonostante abbia ormai la bellezza di quindici anni sulle spalle, e anche il comparto sonoro, dal doppiaggio fino alla colonna sonora, risultano degni di nota.

Reclama il trono! 

Disgaea 1 Complete è sicuramente un ottimo acquisto per i fan del franchise, ma anche per coloro che si approcciano alla serie per la prima volta. La trama è solida, il gameplay non risente quasi minimamente il peso degli anni e il comparto tecnico, per quanto il lavoro di rimodernizzazione degli asset sia stato abbastanza superficiale, risulta gradevole sia per gli occhi che per le orecchie. Consigliatissimo nella sua incarnazione per Nintendo Switch, che, grazie alla portatibilità della console, offre di sicuro un’esperienza ancora migliore.

Prezzo di lancio: 49,99€
Prezzo da noi consigliato: 24,99€

Disgaea 1 Complete

Disgaea 1 Complete
8

Pro

  • Longevo
  • Combattimenti impegnativi...
  • Al passo con i tempi nonostante gli anni passati

Contro

  • ...Ma a volte la difficoltà impenna all'improvviso
  • Praticamente nessuna novità rispetto all'originale
About Sofia "EvilPhimie" Marotta 592 Articles
Nei momenti liberi dai suoi piani per la conquista dell'intero universo, si diletta a giocare a tutto ciò che il mondo videoludico ha da offrirle e, in particolare, alla serie Megami Tensei: forse è proprio per questo che i suoi sogni di conquistatrice leggendaria di quarto livello sono ancora in alto mare...